Come Scegliere un Frigorifero

Quando si decide di cambiare l’arredamento di casa o quando si sta cercando di arredare casa, per la prima volta, ci si trova davanti al fatto di dover scegliere quale frigorifero inserire nella propria cucina.

Si sa che per molte di noi donne il frigorifero riveste davvero un ruolo fondamentale in cucina, in quanto sarà proprio questo che dovrà contenere al suo interno tutti gli alimenti, segreti e preparati dei nostri pranzetti e dei nostri successi in cucina.

Ecco perché quando si è giunti al momento di dover scegliere il frigorifero occorre prestare non poca attenzione a questo punto, in quanto è molto importante.

Il frigorifero è insieme alla lavastoviglie e la lavatrice, uno di quei elettrodomestici che non devono mancare per nulla al mondo nel nostro appartamento.

Rivestono un ruolo fondamentale e di aiuto per noi casalinghe, che passiamo la maggior parte del tempo in casa. Ci aiutano a risolvere problemi domestici e in particolare ad accelerare le nostre faccende di casa.

In questo articolo, tramite questa guida cercheremo di capire come scegliere una bella colonna frigorifero per la nostra cucina.

La prima cosa da tenere in considerazione è lo spazio che abbiamo a disposizione per poter inserire il frigorifero. In base a questo potremo scegliere i litri, cioè la grandezza del frigorifero. Ma teniamo anche in considerazione che occorre capire se si vuole o meno un frigorifero incassato oppure no.

Il frigorifero incassato vuol dire che sarà un frigo inserito in un mobile di legno che richiama lo stile della cucina componibile. Questo genere di scelta ci preclude un po’ la possibilità di poter optare per un frigorifero bello grande, enorme in quanto le misure dovranno essere proporzionate al mobile in cui andrà inserito. Il bello di questa scelta è che il frigorifero non si vedrà ma sembrerà unito con il resto della cucina.
Nel caso invece scegliessimo di farlo non incassato, allora possiamo puntare su frigoriferi davvero grandi e davvero pieni zeppi di optional, dal fatto di poter prendere l’acqua dall’esterno del frigo al punto che possiamo scegliere se avere dell’acqua fresca, calda o frizzante.
Oggi, inoltre, sono disponibili anche i mini frigo, utili per chi vuole un frigorifero aggiuntivo, magari in camera da letto.
Insomma ora mai le scelte sono davvero infinite.

In genere un frigorifero deve essere scelto anche in base alla composizione del nucleo familiare o anche del futuro gruppo familiare, in quanto nel caso ci fossero molte persone sarebbe inutile prendere un frigorifero piccolo ed anche il contrario.

E’ comunque necessario prendere un frigorifero di dimensioni giuste con anche un bel congelatore, in cui poter conservare tutte le provviste e le riserve per l’inverno e non .

Si può scegliere se posizionare il congelatore sopra o sotto il frigorifero, anche se è preferibile quello sotto per questione di comodità.

Insomma a voi la scelta, ma ricordate di farla tenendo conto di criteri ben precisi.

Come Cucinare Meglio e in Modo Veloce

Un altro weekend va via e, quando arriva il lunedì, bisogna tornare a concentrarsi su cosa cucinare a cena, dopo una giornata di duro lavoro, sempre con pochissimo tempo a nostra disposizione. I cibi surgelati, quelli precotti, la solita pastasciutta al sugo, una bistecca alla griglia o impanata: non si possono mangiare sempre le stesse cose, saporite ma anche ricche di grassi. Il regime nutrizionale deve essere il più vario possibile e non è facile se si deve puntare a una cucina “fast”.

Allora bisogna usare la testa, abbinando prodotti di qualità alle giuste tecniche, per saziare ma senza dimenticare il palato e senza danneggiare la salute. Ecco di seguito tre consigli per continuare a mangiare correttamente e con gusto, pur non avendo troppo tempo da dedicare ai fornelli:

Preparate in anticipo buona parte del menù della settimana – Il week end è fatto per riposarsi, divertirsi ma anche per impiegare il tempo libero a disposizione nella programmazione dei cinque giorni successivi, a cominciare dal cibo. E’ utile prepatrare un bel brodo, del sugo, delle polpette, un arrosto e mettere tutto nel congelatore. Vi troverete avvantaggiati, la mattina prima di uscire toglierete la vostra cena dal freezer e la sera metterete a cuocere o scaldare, dedicandovi magari ad un più semplice contorno.

Utilizzate ingredienti ad alto impatto – Salsa di soia e parmigiano hanno qualcosa in comune: entrambi sono ingredienti “robusti”, per preparare i quali qualcun altro ha impiegato tanta fatica (ci vuole più di un anno per la produzione). Bene, utilizzate questi ingredienti per aggiungere rapidamente ed efficacemente sapore alle vostre pietanze. E’ solo un esempio per far comprendere come, con un po’ di intelligenza, si possa mangiare bene senza dover necessariamente stare ai fornelli per delle ore ma soprattutto senza portare sulla tavola piatti ipercalorici, che ci appesantiscono e non facilitano di certo la nostra digestione. Evviva la cucina fast, allora, ma con intelligenza e metodo.

Scegliere i metodi di cottura rapida – C’è una ragione per cui amiamo la cottura alla griglia: è veloce e facile. Si potrebbe cuocere un pezzo di salmone in 10 minuti o anche meno e avere la cena sul tavolo non molto tempo dopo. Scegliete quindi piatti completi e rapidi da cuocere come il couscous, veloce da preparare, che sazia senza bisogno di dover “spizzicare” altro.

Come Fare uno Smalto Personalizzato

Avete mai pensato di creare uno smalto di una tonalità di colore che non riuscivate mai a trovare in commercio? Ecco, questa volta vi farò vedere come sarà semplice creare uno smalto personalizzato utilizzando pochissimi ingredienti che ognuno di noi possiede già a casa.

Occorrente
Uno smalto trasparente
Uno o più pigmenti colorati in polvere (o ombretti per occhi)
Un Pennellino per unghie
Un foglio di carta da forno

Per iniziare scelgo i pigmenti colorati (vanno benissimo anche degli ombretti per occhi) in polvere, che desidero utilizzare per creare il mio smalto. A questo punto prendo il mio foglio di carta da forno (utile per il fatto di non essere assorbente), e metto sopra una puntina del pigmento (o di più pigmenti) da me scelto per colorare il mio smalto. Naturalmente a seconda del colore che voglio creare posso mettere diversi pigmenti, tipo: Verde molto scuro (molto pigmento blu e poco giallo), Verde Shimmer con glitter (Verde Chiaro più glitter trasparenti e pigmento bianco shimmer). Insomma possiamo giocare con tutti i colori che vogliamo.

Una volta che abbiamo sistemato le nostre polveri sul nostro foglio di carta da forno, le mischiamo con un pennellino (pulito e asciutto) da smalto, per fare in modo che venga fuori una polvere omogenea che sarà poi il risultato secco del colore da me scelto, ed è proprio su questa polvere colorata che io posso ancora procedere con aggiustamenti di colore che desidero per il risultato finale.

A questo punto, prendo il mio smalto trasparente e ne verso qualche goccia sopra la polvere colorata che ho miscelato sul foglio di carta da forno, e con il mio pennellino per smalto miscelo bene il tutto per fare in modo che lo smalto trasparente incorpori in esso tutta la polvere colorata e diventi un tutt’uno. Ecco che posso fare una prova sopra una mia unghia per vedere se il risultato è ottimale, in caso contrario con altre polveri colorate continuo ad aggiungere colore o se troppo intenso, schiarisco con colori più chiari. Ecco creato il nostro smalto personalizzato utilizzando colori e materiali che ognuno di noi possiede a casa senza spendere capitali per avere tantissimi smalti.

Come Fare un Dentifricio Sbiancante in Casa

A volte non basta usare un dentifricio normale, figurati poi se dobbiamo spendere moltissimi soldi per diverse tipologie di dentifricio, ecco quindi come questa guida vi insegna come preparare in casa un ottimo dentifricio con azione sbiancante e energizzante!
Istruzioni

Occorrente
1 cucchiaio di bicarbonato
1 cucchiaio di caolino (argilla bianca)
2 gocce di olio essenziale di tea tree
2 gocce di olio essenziale di menta
Ciotola

Iniziamo a prendere una ciotolina e un cucchiaino che ci servirà per mescolare, quindi prendiamo il bicarbonato e adagiamolo nella ciotolina, a questo punto mettiamo un cucchiaino di acqua frizzante e amalgamiamo per far sciogliere le sostanze presenti nel bicarbonato, se vedete che diventa troppo liquido, aggiungete altro bicarbonato.

A questo punto, aggiungiamoci un cucchiaino di caolino e continuiamo a mescolare, facendolo sempre amalgamare bene, quasi ad ottenere una pasta, come per prima, se l’impasto diventa troppo liquido aggiungete bicarbonato, a questo punto aggiungetevi un paio di gocce di olio essenziale di tea e un paio di quelle alla menta.

Continuare ad amalgamare bene per qualche minuto fino ad ottenere un bel impasto omogeneo. A questo punto il dentifricio sbiancante è pronto, trasferiamo il tutto in un barattolino e proviamolo per circa 3 volte a settimana e vedrete i risultati, avrete denti davvero bianchi con questo metodo efficace.

Come Fare uno Spaventapasseri

Tutti sappiamo che i passeri, le rondini, gli uccelli notturni e i pettirossi sono dannosi per le nostre coltivazioni perchè non solo si cibano dei semi che spargiamo durante le semine, ma danneggiano gli alberi da frutto beccandone le tenere gemme e la frutta matura che risulterà, per noi, immangiabile.

Occorrente
Nastri colorati
Carta alluminio
Cartoncino rigido liscio o cartone
Un palo a punta
Una tavola piatta di legno lunga circa m.1,5 e larga cm 20

Anche gli uccelli sono ormai diventati furbi e se vogliamo veramente tenerli lontani dai nostri alberi da frutto o dai nostri campi seminati, dobbiamo preparare degli “spaventapasseri” che non stiano fermi ma che siano in movimento.
Se vogliamo prepararne uno classico, a forma umana, dobbiamo prima preparare una struttura in legno usando un paletto a punta (la punta ci servirà per infilzare il palo nel terreno).

Sul paletto principale, quello a punta, devi inchiodare una tavola perpendicolare al paletto (cioè a croce).
Prima di inchiodare il braccio corto della croce, devi far passare in esso, una vecchia giacca o un cappotto oppure, meglio ancora, un vecchio impermeabile.
Sul palo avvolgi poi un vecchio cuscino e legalo al paletto con del nastro, usa anche i chiodi.
Fai sparire il cuscino sotto alla giacca o al cappotto.

Prima blocca con del nastro e poi, se necessario, inchioda dei lunghi nastri o fili di raffia sulle estremità dei bracci della parte superiore della croce, e fai in modo che fuoriescano dalle maniche della giacca o del cappotto dello spaventapasseri.
Questi nastri o legacci (puoi usare anche pezzi lunghi di stoffa tagliati in strisce sottili) col vento si muoveranno e non faranno avvicinare gli uccelli.
Completa lo spaventapasseri inchiodando un cappello sulla punta del palo principale.

Se hai delle siepi da proteggere, invece, puoi tagliare la sagoma di un falco con del cartoncino e ricoprirla con della carta d’alluminio, poi attaccare questo finto predatore ad un filo resistente e bloccare il filo su un paletto infilzato nel terreno.
Il falco ricoperto d’ alluminio brillerà sotto al sole e oscillerà al vento spaventando così gli uccelli.