Browse Category

Casa

Come Scegliere un Anticalcare

Il calcare è un deposito di magnesio e carbonato di calcio che si forma in seguito ad una reazione chimica dovuta alla durezza dell’acqua. Un’acqua dura è un’acqua che contiene molto calcio, molto importante per il nostro organismo ma molto dannoso per le tubature della nostra lavatrice e dei nostri elettrodomestici in genere. Usare un anticalcare per la lavatrice può aiutarci ad evitare che le tubature si intasino creando spiacevoli inconvenienti quali perdite di acqua notevoli e quindi ingenti lavori di manutenzione se non, nei casi più seri, sostituzione della nostra lavatrice.

I prodotti anticalcare oggi in commercio sono un aiuto importante per impedire che si depositi del calcare sulle resistenze elettriche della nostra lavatrice ma non sempre questi prodotti sono indispensabili.
Se infatti l’acqua che utilizziamo è un’acqua dolce (che cioè non presenta una quantità esagerata di calcio), i prodotti anticalcare sono assolutamente inutili. Se, al contrario, l’acqua delle nostre tubature è piuttosto dura, quindi contiene alte dosi di calcio, un prodotto anticalcare è quello che fa al caso nostro.
Dobbiamo sapere comunque che tutti i detersivi che noi comunemente usiamo per la nostra lavatrice contengono una quantità di anticalcare anche se comunque, come ripetiamo, in caso di acqua ricca di calcare, l’uso di prodotto specifici come gli addolcitori è assolutamente consigliato.

In commercio, oltre alle normali polveri e pastiglie, possiamo trovare anche soluzioni alternative quali filtri che sfruttano le azioni di magneti per contrastare le formazioni di calcare. Tali filtri, attaccati direttamente al tubo della lavatrice, purificano l’acqua dal bicarbonato di sodio rendendola così più dolce.

Il bucato lavato con acqua dura risulta infatti meno morbido e tende a scolorire rapidamente i colori vivaci. Per questo usare prodotti anticalcare nei casi sopraindicati ci aiuta ad allungare la vita della nostra lavatrice ma anche quella dei nostri capi più delicati.

Come Arredare Casa Spendendo Poco

Dovete arredare casa ma non avete molto denaro a disposizione? Con questi consigli potrete rinnovare la vostra abitazione senza spendere un patrimonio. Puntare sulla praticità alla lunga si rivelerà estremamente conveniente.

Per arredare la propria abitazione in modo low cost, è indispensabile andare sul concreto, decorando il tutto con piccoli pezzi, anche se un po’ più costosi. L’importante è che i suddetti siano in grado di fare la differenza.

Iniziamo dunque con il soggiorno e la cucina.

Divani
Se non potete permettervi un nuovo divano ed il vostro è ridotto male, sarà sufficiente tappezzarlo con un copridivano nuovo di zecca per rinnovarlo. Preoccupatevi però di rispettare linea geometrica, quindi valutate se serve un copridivano con penisola, e colori del vostro divano, acquistando cuscini del medesimo colore o tappezzando i vostri con il medesimo tessuto e colore di quello adoperato per il divano. Scegliete una lampada in grado di richiamare i colori della tappezzeria. Così facendo, oltre ad abbellire la stanza e impreziosirla con nuovi elementi, creerete dei punti luce perfetti per, in grado di migliorare lo spazio e il senso di profondità.

Parquet
Il vostro parquet deve essere rinnovato e non avete i soldi per farlo? Un trucco potrebbe essere quello di ricoprirlo con un tappeto bizzarro e dai colori sgargianti. Un’altra idea economica per il salone? Se il vostro tavolo scricchiola e va sostituito, potreste pensare ad un tavolino di vetro. Su internet poi è possibile trovare cucine a metà prezzo, così come divani, appena usati. Le occasioni sul web non mancano di certo, tutto sta nel cogliere l’attimo e trovare qualcosa che si sposi alle proprie esigenze e desideri. Con un po’ di creatività riuscirete a arredare la vostra casa in maniera economica.

Arredare casa con pochi soldi, ormai è divenuto un imperativo. In tempi di crisi sono pochi coloro che hanno tanto denaro da spendere per arredare la propria abitazione. Per fortuna internet vi dà una grossa mano in tal senso. Armatevi di pazienza, visitate siti qua e là alla ricerca di idee originali e creative, fatevi consigliare da un amico/a un po’ più ferrato/a in materia.
Internet è un luogo virtuale, ma vi darà la possibilità di visionare foto e scegliere con calma. Non dimenticate mai di dare uno sguardo ad Ebay e a tutti gli altri siti specializzati nella vendita di mobili e arredamento usato.
Impegnando la testa riuscirete ad ottenere ciò che fa al caso vostro, senza spendere una fortuna. Ricordate poi che oggi esistono realtà come Ikea, in grado di proporre mobili di buona fattura a prezzi molto contenuti. Non tralasciate i mercatini, qui qualche occasione si trova sempre, dunque occhio.

Low cost è la parola d’ordine dei nostri tempi. Non solo viaggi, vacanze e abiti, ma anche arredamento. Single, conviventi, studenti universitari, pensionati, sono tantissime le categorie di persone che potrebbero aver necessità di un arredamento low cost. Per portare a casa un buon mobile a prezzo contenuto è indispensabile aver pazienza, studiare un’idea alternativa, non impuntarsi mai per avere quel determinato complemento d’arredo a tutti i costi. Cercate sempre delle valide alternative, la vostra flessibilità verrà premiata.
La creatività e l’intelligenza sono due potentissimi armi a vostra disposizione, non dimenticatelo mai. Il trucco per risparmiare sta nel sapersi inventare oggetti dal nulla e riciclare materiali che sembrano ormai pronti per la discarica. Entrando in quest’ottica riuscirete a fare del bene all’ambiente e alle vostre tasche.

Come Riempire i Fori delle Viti nel Legno

A volte succede che negli anni i mobili si rovinano e che le parti in metallo si possano danneggiare, o che addirittura le parti in metallo vengano eliminate. In questa guida troverai degli ottimi suggerimenti per riparare e sistemare la parte che devi restaurare.

Occorrente
Nastro di carta
Trapano
Punte trapano da legno a punta piatta
Punte trapano a tazza
Legno
Colla vinilica
Scalpello
Carta vetro fine
Pennello
Mordente

Per iniziare ti svelo un segreto per forare il legno con il trapano, senza andare dall’altra parte. Prendi quindi il nastro di carta e il trapano. Appoggia la punta del trapano vicino al lato dello spessore del legno, guarda la profondità e applica un pezzo di nastro di carta sulla punta stessa per segnare fin dove la punta deve penetrare.

A questo punto fai un foro nel legno nel punto dove erano posizionate le vecchie viti precedentemente tolte. Ricordati di fare il foro più grande del foro precedente e per farlo prova usando le punte che hai a disposizione. Prendi poi una punta per trapano a tazza e ricava un tassello di legno della grandezza del foro, ricordandoti di farlo più lungo della profondità dello stesso.

Appena lo avrai tagliato, applica della colla vinilica e incollalo nel foro. Quando la colla si è asciugata taglia, usando lo scalpello, la parte del tassello che esce al di fuori del piano del legno. Questa è un’operazione delicata e fai attenzione a non rovinare il legno intorno. Prendi poi la carta vetro fine e leviga questa parte. Concludi poi il lavoro trattando il legno con del mordente.

Come Posare delle Perline Inclinate sulle Pareti

La posa di perline inclinate su una o più pareti, per esempio su due pareti adiacenti, non presenta particolari difficoltà. Richiede però qualche attenzione in più. Per realizzare questa operazione in maniera semplice, segui i consigli indicati passo dopo passo.

Occorrente
Perline di diverse misure
Bordini battiscopa e angolari
Chiodini
Stucco per legno
Squadra
Martello
Seghetto alternativo o troncatrice elettrica

Anche in questo caso è necessario applicare dei listelli orizzontali; dovranno però essere montati anche dei listelli verticali, ai lati della parete da rivestire, sui quali inchiodare le teste delle perline. I listelli orizzontali dovranno inoltre essere fissati sul muro a una distanza inferiore l’uno dall’altro rispetto ai listelli impiegati per la messa in opera di perline verticali.

Risulta essere consigliabile iniziare da un angolo basso ed è indispensabile fissare dei punti di riferimento servendosi di una comune squadra. Con un seghetto alternativo o una troncatrice tagliate una perlina a triangolo isoscele e inchiodatela ai listelli. Tagliate le successive perline a forma di trapezio isoscele dopo aver attentamente preso le misure e applicatele sull’intelaiatura fissata al muro.

Applicate i bordini battiscopa e i bordini angolari o piatti lungo la cornice della perlinatura facendo penetrare bene i chiodini nel legno. Al termine della posa potete procedere alle rifiniture applicando dei bordini di raccordo sugli spigoli e inchiodandoli bene alle perline sottostanti utilizzando dei chiodini senza testa. Per rifinire il lavoro utilizzate dello stucco per legno sui fori lasciati dai chiodini.

Come Posare Cornici in Polistirolo

Le pareti della tua casa possono essere abbellite con un tocco molto raffinato, decorandone l’estremità superiore con dei listelli di polistirolo. Anche il lampadario può essere impreziosito dall’applicazione di un rosone. Segui i passi di questa guida dove si spiegherò come mettere in opera questo materiale.

Occorrente
Listelli e rosone in polistirolo
Sega e cassetta
Colla neoprene
Pennello
Stucco bianco per muro
Lima
Pittura

Posa in opera dei listelli di polistirolo: acquista i listelli di polistirolo nella misura che ti occorre per delimitare tutto il perimetro della stanza che vuoi decorare. Ne trovi in commercio di vari modelli, dai più lineari ai più elaborati con disegni e decorazioni in rilievo. Parti con la posa dall’angolo della stanza maggiormente in vista. Procedi al taglio obliquo di due listelli di cornice, utilizzando la cassetta per i tagli di precisione e una sega a mano. Quando avrai tagliato le due estremità, uniscile sulla parete in modo che formino un angolo che riproduca perfettamente il perimetro del muro. Con una matita, tracciane il contorno sul muro.

A questo punto, sposta le cornici e con un pennello stendi la colla neoprene sulla zona che hai delimitato e sul bordo della cornice che andrà ad appoggiarsi al muro. Dopo aver aspettato qualche minuto che l’adesivo si addensi, applica le cornici al muro seguendo le linee delimitate e fai combaciare perfettamente le due estremità tagliate obliquamente, formando un angolo perfetto. Premi bene tutta la superficie per far aderire la colla in tutti i punti.

Procedi allo stesso modo per tutto il successivo perimetro della stanza, tagliando le estremità in modo obliquo quando arrivi agli altri angoli del muro. Quando hai terminato la posa, dai il tempo alla colla di asciugare completamente e poi controlla le giunture degli angoli. Se noti che i bordi sono irregolari, levigali accuratamente con una lima o carta vetrata fine.

Posa del rosone: Centralmente fai un foro sufficientemente grande per far passare i fili di corrente del lampadario. Smonta il lampadario, appoggia la sagoma del rosone in maniera centrale e, con una matita, disegnane il cerchio sul plafone. Con un pennello stendi una mano di colla neoprene all’interno dell’area tracciata sul plafone e una mano sulla parte di rosone che andrà applicato al muro. Fai passare i fili di corrente nel foro praticato ed appoggia saldamente il rosone al plafone facendolo aderire in tutti i punti. A questo punto,puoi dare una mano di pittura per muro su tutte le superfici trattate.