Browse Category

Casa

Come Utilizzare l’Aceto Come Prodotto di Bellezza

Non ci crederai, ma ancora oggi l’aceto viene usato per la preparazione di lozioni e tonici di bellezza. E pensare che lo usavo solo come condimento! In questa guida ti spiegherò come usare l’aceto per avere i denti sani, per la pulizia della tua pelle e per combattere quei antiestetici foruncoli che appaiono nel tuo viso nei momenti meno appropriati.

Per avere una dentatura sana: procurati 100 cc di aceto e una decina di chiodi di garofano. Metti il tutto in un contenitore ermetico di vetro e lascia macerare il tutto per almeno tre mesi. Trascorso questo tempo lo devi usare diluito: in un bicchiere di acqua un cucchiaino da caffè e fai degli sciacqui dopo i pasti. Il tuo alito sarà più fresco e i tuoi denti saranno splendenti.

Se hai la pelle sensibile che si irrita facilmente,ecco un rimedio per la pulizia della pelle irritabile: dopo esserti lavata con un sapone neutro o con sapone di Marsiglia, puoi sciacquarti con dell’acqua in cui avrai diluito un po’ di aceto. La miscela di acqua e aceto e ridarà alla tua pelle la sua giusta acidità e non si irriterà.

Contro i foruncoli: metti a macerare in mezzo litro di aceto rosso una decina di chiodi di garofano, 4 cucchiai di fiori di lavanda, 1 bastoncino di cannella frantumato, 4 cucchiai di foglie di timo. Esponi il contenitore al sole e lasciacelo per 15 giorni, poi filtra il contenuto e conservalo in una bottiglia di vetro. Ogni sera prima di andare a dormire pulisci il viso con un batuffolo di cotone imbevuto di questo preparato. Dopo un po’ di tempo vedrai che la tua pelle sarà più asciutta, più lisci a e senza foruncoli.

Come Scegliere un Frigorifero

Quando si decide di cambiare l’arredamento di casa o quando si sta cercando di arredare casa, per la prima volta, ci si trova davanti al fatto di dover scegliere quale frigorifero inserire nella propria cucina.

Si sa che per molte di noi donne il frigorifero riveste davvero un ruolo fondamentale in cucina, in quanto sarà proprio questo che dovrà contenere al suo interno tutti gli alimenti, segreti e preparati dei nostri pranzetti e dei nostri successi in cucina.

Ecco perché quando si è giunti al momento di dover scegliere il frigorifero occorre prestare non poca attenzione a questo punto, in quanto è molto importante.

Il frigorifero è insieme alla lavastoviglie e la lavatrice, uno di quei elettrodomestici che non devono mancare per nulla al mondo nel nostro appartamento.

Rivestono un ruolo fondamentale e di aiuto per noi casalinghe, che passiamo la maggior parte del tempo in casa. Ci aiutano a risolvere problemi domestici e in particolare ad accelerare le nostre faccende di casa.

In questo articolo, tramite questa guida cercheremo di capire come scegliere una bella colonna frigorifero per la nostra cucina.

La prima cosa da tenere in considerazione è lo spazio che abbiamo a disposizione per poter inserire il frigorifero. In base a questo potremo scegliere i litri, cioè la grandezza del frigorifero. Ma teniamo anche in considerazione che occorre capire se si vuole o meno un frigorifero incassato oppure no.

Il frigorifero incassato vuol dire che sarà un frigo inserito in un mobile di legno che richiama lo stile della cucina componibile. Questo genere di scelta ci preclude un po’ la possibilità di poter optare per un frigorifero bello grande, enorme in quanto le misure dovranno essere proporzionate al mobile in cui andrà inserito. Il bello di questa scelta è che il frigorifero non si vedrà ma sembrerà unito con il resto della cucina.
Nel caso invece scegliessimo di farlo non incassato, allora possiamo puntare su frigoriferi davvero grandi e davvero pieni zeppi di optional, dal fatto di poter prendere l’acqua dall’esterno del frigo al punto che possiamo scegliere se avere dell’acqua fresca, calda o frizzante.
Oggi, inoltre, sono disponibili anche i mini frigo, come quelli mostrati in questa pagina, utili per chi vuole un frigorifero aggiuntivo, magari in camera da letto.
Insomma ora mai le scelte sono davvero infinite.

In genere un frigorifero deve essere scelto anche in base alla composizione del nucleo familiare o anche del futuro gruppo familiare, in quanto nel caso ci fossero molte persone sarebbe inutile prendere un frigorifero piccolo ed anche il contrario.

E’ comunque necessario prendere un frigorifero di dimensioni giuste con anche un bel congelatore, in cui poter conservare tutte le provviste e le riserve per l’inverno e non .

Si può scegliere se posizionare il congelatore sopra o sotto il frigorifero, anche se è preferibile quello sotto per questione di comodità.

Insomma a voi la scelta, ma ricordate di farla tenendo conto di criteri ben precisi.

Come Fare uno Smalto Personalizzato

Avete mai pensato di creare uno smalto di una tonalità di colore che non riuscivate mai a trovare in commercio? Ecco, questa volta vi farò vedere come sarà semplice creare uno smalto personalizzato utilizzando pochissimi ingredienti che ognuno di noi possiede già a casa.

Occorrente
Uno smalto trasparente
Uno o più pigmenti colorati in polvere (o ombretti per occhi)
Un Pennellino per unghie
Un foglio di carta da forno

Per iniziare scelgo i pigmenti colorati (vanno benissimo anche degli ombretti per occhi) in polvere, che desidero utilizzare per creare il mio smalto. A questo punto prendo il mio foglio di carta da forno (utile per il fatto di non essere assorbente), e metto sopra una puntina del pigmento (o di più pigmenti) da me scelto per colorare il mio smalto. Naturalmente a seconda del colore che voglio creare posso mettere diversi pigmenti, tipo: Verde molto scuro (molto pigmento blu e poco giallo), Verde Shimmer con glitter (Verde Chiaro più glitter trasparenti e pigmento bianco shimmer). Insomma possiamo giocare con tutti i colori che vogliamo.

Una volta che abbiamo sistemato le nostre polveri sul nostro foglio di carta da forno, le mischiamo con un pennellino (pulito e asciutto) da smalto, per fare in modo che venga fuori una polvere omogenea che sarà poi il risultato secco del colore da me scelto, ed è proprio su questa polvere colorata che io posso ancora procedere con aggiustamenti di colore che desidero per il risultato finale.

A questo punto, prendo il mio smalto trasparente e ne verso qualche goccia sopra la polvere colorata che ho miscelato sul foglio di carta da forno, e con il mio pennellino per smalto miscelo bene il tutto per fare in modo che lo smalto trasparente incorpori in esso tutta la polvere colorata e diventi un tutt’uno. Ecco che posso fare una prova sopra una mia unghia per vedere se il risultato è ottimale, in caso contrario con altre polveri colorate continuo ad aggiungere colore o se troppo intenso, schiarisco con colori più chiari. Ecco creato il nostro smalto personalizzato utilizzando colori e materiali che ognuno di noi possiede a casa senza spendere capitali per avere tantissimi smalti.

Come Fare uno Spaventapasseri

Tutti sappiamo che i passeri, le rondini, gli uccelli notturni e i pettirossi sono dannosi per le nostre coltivazioni perchè non solo si cibano dei semi che spargiamo durante le semine, ma danneggiano gli alberi da frutto beccandone le tenere gemme e la frutta matura che risulterà, per noi, immangiabile.

Occorrente
Nastri colorati
Carta alluminio
Cartoncino rigido liscio o cartone
Un palo a punta
Una tavola piatta di legno lunga circa m.1,5 e larga cm 20

Anche gli uccelli sono ormai diventati furbi e se vogliamo veramente tenerli lontani dai nostri alberi da frutto o dai nostri campi seminati, dobbiamo preparare degli “spaventapasseri” che non stiano fermi ma che siano in movimento.
Se vogliamo prepararne uno classico, a forma umana, dobbiamo prima preparare una struttura in legno usando un paletto a punta (la punta ci servirà per infilzare il palo nel terreno).

Sul paletto principale, quello a punta, devi inchiodare una tavola perpendicolare al paletto (cioè a croce).
Prima di inchiodare il braccio corto della croce, devi far passare in esso, una vecchia giacca o un cappotto oppure, meglio ancora, un vecchio impermeabile.
Sul palo avvolgi poi un vecchio cuscino e legalo al paletto con del nastro, usa anche i chiodi.
Fai sparire il cuscino sotto alla giacca o al cappotto.

Prima blocca con del nastro e poi, se necessario, inchioda dei lunghi nastri o fili di raffia sulle estremità dei bracci della parte superiore della croce, e fai in modo che fuoriescano dalle maniche della giacca o del cappotto dello spaventapasseri.
Questi nastri o legacci (puoi usare anche pezzi lunghi di stoffa tagliati in strisce sottili) col vento si muoveranno e non faranno avvicinare gli uccelli.
Completa lo spaventapasseri inchiodando un cappello sulla punta del palo principale.

Se hai delle siepi da proteggere, invece, puoi tagliare la sagoma di un falco con del cartoncino e ricoprirla con della carta d’alluminio, poi attaccare questo finto predatore ad un filo resistente e bloccare il filo su un paletto infilzato nel terreno.
Il falco ricoperto d’ alluminio brillerà sotto al sole e oscillerà al vento spaventando così gli uccelli.

Come Arredare la Propria Casa

La casa è il luogo del cuore. Come disse qualcuno di cui non ricordo il nome è casa dove ci sono i nostri affetti, quindi dobbiamo fare in modo che essa sia il posto più confortevole e piacevole per noi e i nostri cari.

Il corridoio è il primo luogo dove ricevete gli ospiti quindi è un po il vostro biglietto da visita. Scegliete un arredo semplice e funzionale in linea con lo stile di tutta la casa. Fate attenzione al colore delle pareti: le tinte chiare ingrandiscono, quelle scure, viceversa, rimpiccioliscono gli ambienti. Per esempio un corridoio troppo lungo sembrerà più corto se colorerete di scuro la parete in fondo e chiare le altre, oppure potrete “accorciare” un soffitto molto alto tingendolo di un colore più scuro delle pareti. Utilizzate anche degli appendiabiti da parete, in modo da tenere ordinato l’ingresso di casa, senza abiti buttati in giro.

I mobili della cucina vanno acquistati con la certezza delle misure. Essendo questa la stanza più vissuta, scegliete mobili resistenti e facilmente lavabili. Se potete scegliete cucine con forni posti in alto, sono più comodi per chi cucina e allo stesso tempo fuori dalla portata dei bambini che potrebbero scottarsi quando il forno è acceso.
Le pareti devono essere sfruttate al massimo. Per esempio, possono essere utili dei portabottiglie, in modo da non doverle mettere nei mobili.

Se avete figli piccoli, arredatela con l’accortezza possibile per renderla a misura di bambino. Evitate gli spigoli, preferite quei mobili che non contengono collanti e tinte tossiche. Non dimenticate un bel tappeto su cui fare giocare i vostri bimbi.

Il soggiorno dovrebbe essere ampio e comodo spesso comprende anche il salotto. Preferite divani comodi perché l’estetica non è tutto, meglio una seduta semplice e facilmente lavabile, oggi ne esistono addirittura sfoderabili.

La camera da letto è il luogo dove trascorrerete i momenti di maggiore intimità quindi utilizzate colori rilassanti. Studiate bene gli spazi e se potete scegliete un armadio capiente e funzionale.

Il bagno deve essere accogliente e comodo. Le piastrelle colorate o decorate contribuiscono ad arredarlo, ma c’è chi preferisce usare pittura idrorepellente e usa piastrelle nelle pareti del lavandino o della doccia.
Le piastrelle azzurre o verdi danno l’idea dell’acqua, il bianco il senso di pulizia, il bianco e nero danno un’aria glamour. La rubinetteria lineare è facile da pulire, ma c’è un ritorno a quella in stile antico tipo in bronzo o con inserti in porcellana. Se scegliere la vasca da bagno o la doccia dipende dal gusto personale e soprattutto dallo spazio a disposizione. Oggi comunque c’è una varietà tale di arredi bagno da creare solo l’imbarazzo della scelta.

In ogni caso, qualunque sia la scelta dell’arredamento della vostra casa, l’importante è che piaccia a voi e vi sentiate a vostro agio, non siate succubi dei dettami della moda del momento.