Come Cucinare il Pesce

In questa guida spieghiamo come cucinare il pesce. Meglio aggiungere tutti i condimenti e aromi a crudo, senza esagerare. Si rischia altrimenti di coprire il delicato aroma della pietanza. Questi proposti sono tre metodi, appunto, salutari, per cucinare il pesce.

Pesce bollito. La bollitura è tra i più antichi e tradizionali metodi di cottura. Si tratta di un metodo semplice che consente di ottenere cibi leggeri e di mantenere ed esaltare i sapori. Prendi una pentola larga, riempila per 3/4 d’acqua e ponila a fiamma viva sul fuoco.

Quando raggiunge il punto di ebollizione getta un pugno di sale grosso. Passato il bollore derivato dal sale gettato, poni il pesce che hai deciso di bollire. A fine cottura (chiedi in negozio il tempo di cottura del pesce acquistato), condisci con olio, pepe, sale e spezie a piacere.

Pesce cotto a vapore. Con questo metodo di cottura il cibo cuoce grazie al calore umido dell’acqua in ebollizione, evitando il contatto diretto dell’alimento con l’acqua. Si tratta di un metodo di cottura delicato che esalta particolarmente il gusto del pesce. Per semplificare il procedimento è possibile utilizzare uno strumento specifico come queste vaporiere.

Inoltre gli alimenti cuociono a temperature relativamente basse: si hanno così perdite bassissime di vitamine e minerali e i cibi mantengono pressoché inalterati i sapori e gli aromi. Numerosi pesci, tra cui triglie, branzini o filetti in genere, cotti a vapore, valorizzano il loro sapore e mantengono inalterate tutte le preziose proprietà nutritive.

Pesci alla Court bouillon. Da intendersi come una bollitura in acqua aromatizzata. Si prepara bollendo per 45 minuti circa 2 lt e mezzo d’acqua con una cipolla tagliata, mezza carota, una costa di sedano, qualche foglia di alloro, mezzo bicchiere di vino bianco, pepe in grani e sale. A fine cottura si filtra. Il pesce va immerso nel court bouillon freddo. Il tempo di cottura (a fuoco basso) è di circa 10 minuti ogni mezzo chilo di pesce.

Come Preparare Sedano all’Arancia

Questo piatto è ottimo sia come antipasto che come contorno. Sicuramente diverso dal solito ma è molto gustoso e facile da preparare. Gli ingredienti sono facili da trovare in qualsiasi stagione.

Come alternativa si può usare il limone al posto dell’arancia per ottenere un sapore più tradizionale.

Occorrente
1 mazzo di sedano bianco
1 arancia
25 g di burro
25 g di gherigli di noci
1 cucchiaio di prezzemolo tritato

Questa ricetta richiede dieci minuti per la preparazione e venti minuti per la cottura. Per prima cosa ricava delle fettine molto sottili dalla scorza dell’ arancia ben lavata. Taglia le coste del sedano lavato e asciugato in pezzetti della lunghezza di circa due cm. Nel frattempo spremi l’arancia in modo da ricavarne quattro cucchiai.

Metti i pezzetti di sedano in una casseruola con i bordi alti e aggiungi il succo dell’arancia appena spremuta. Copri e fai cuocere per quindici minuti finchè il sedano non sarà diventato tenero. In un’altra casseruola fai rosolare il burro e le noci per cinque minuti fino a quando i gherigli di noci saranno diventati croccanti.

Aggiungi le noci ai pezzetti di sedano caldo, unisci la scorza dell’arancia preparata in precedenza, il prezzemolo tritato e mescola bene per far amalgamare bene tutti gli ingredienti. Servi questo antipasto in una coppa guarnendo con qualche fetta di arancia e qualche ciuffo di prezzemolo sul bordo.

Come Preparare il Savarin

Oggi andiamo a preparare un dolce molto particolare. Il savarin è molto genuino ricco di sapore e leggero quindi può essere consumato da tutti anche da chi sta seguendo una dieta dimagrante. ovviamente senza eccedere. Abbastanza veloce la sua preparazione.

Occorrente
300 g farina
4 uova
8 g di sale
15 g lievito di pane
1 dl latte
150 g burro
50 g zucchero
Polvere di mandorle o scorze di cedro tritato
Sciroppo al rum

Partiamo alla conquista di questo dolce preparando con cura e molta attenzione tutte le dosi degli ingredienti, fattore estremamente importante per ottenere la sua perfetta realizzazione.
Mettiamo il burro e il latte fuori dal frigorifero almeno 15 minuti priima di utilizzarlo per renderlo a temperatura ambiente.

Mettiamo la farina in una terrina e versiamoci al centro il lievito diluito con un pò di latte tiepido e aggiungiamo le uova intere.
Lavoriamo con la mano per rendere la pasta soffice e incorporiamo in modo abbastanza lento il burro a pezzettini ben ammorbiditi.
Lasciamo lievitare la pasta, coperta, non lontana da una fonte di calore.

Quando il volume è raddoppiato aggiungiamo il sale, lo zucchero e continuiamo a lavorare con le mani.
Imburriamo uno stampo e riempiamolo a metà di pasta.
Conserviamolo al caldo fino a che non abbia raggiunto i bordi.
Cuociamo a forno caldo 35-40 minuti.
Subito dopo gli facciamo un bagno con uno sciroppo di rum.
Serviamo dopo circa 30 minuti.

Come Preparare Sartù di Riso

In questa guida vedremo come preparare questo gustoso riso con finto ragù. Le quantità sono da intendersi per quattro persone e il tempo di preparazione è di circa trenta minuti. Veramente molto semplice da preparare.

Vediamo subito come fare per realizzarla.

Occorrente
1 grossa cipolla,
Sugna,
Olio,
1 dado di brodo,
Vino rosso,
Salsa concentrata,
1 Kg di riso,
200gr di parmigiano,
200 di romano,
2 uova ,
500gr di fior di latte,
200gr di burro,
Carne macinata,

Prima di tutto fare soffriggere la cipolla finemente in olio e sugna. Aggiungete il dado di brodo e quando sarà ben soffritto, far evaporare un mezzo bicchiere di vino rosso. Poi unire poco alla volta il concentrato; quando è ben cotta aggiungere un pò d’acqua e far cuocere per circa un’ora e mezza.

Cuocete i piselli con il burro e appena pronti aggiungere un pò di parmigiano, friggere le polpette, e tagliare a fettine sottili il fior di latte. Lessare il riso in acqua bollente con sale, senza mai girarlo. Quando il riso è al dente porlo in una zuppiera e lasciarlo intiepidire. Aggiungere le uova, il parmigiano, il romano, e mescolare con una parte del finto ragù.

Contemporaneamente ungere ed impanare uno stampo e versando un primo strato di riso, ricoprire i piselli, il fior di latte e le polpettine ed ancora cospargere il tutto con sugo e formaggio. Lo stesso procedimento, dopo aver messo un secondo strato di riso. Chiudere con riso e pane grattugiato. Infornare per circa un’ora.

Come Preparare Succo di Carote e Mango

Risulta essere un succo molto particolare ed esotico, adatto soprattutto per il periodo estivo.

Acquista un sapore alquanto dolce, date le carote ed anche la presenza del mango, è abbastanza nutriente e dissetante e lascia un retrogusto veramente molto particolare.

Occorrente
200 gr. di succo di carote centrifugate
150 gr. di polpa di mango
Acqua frizzante
Fogliolina di sedano (come adornamento)

Prima di procedere, verificare di aver messo a disposizione sul tavolo di lavoro tutti gli ingredienti necessari, seguendo le quantità consigliate. Solo successivamente procedere tagliando finemente le carote ed anche il mango, che verranno poi lavorate per ottenere il succo di frutta, dalla consistenza densa ed omogenea. Per fare questo è consigliabile utilizzare un estrattore, che mantiene le proprietà degli alimenti. Per informazioni su questi dispositivi è possibile vedere questo sito sugli estrattori di succo.

A questo punto, non appena ottenuto il succo di carota e mango, sarà possibile aggiungere dei cubetti di ghiaccio, se gradito, ed anche acqua liscia o frizzante, sempre a seconda delle esigenze, al fine di diluire maggiormente il succo che, altrimenti, risulterebbe decisamente troppo denso e compatto.

Non appena ottenuta la giusta consistenza del succo di frutta di carota e mango, sarà possibile servire in bicchieri da cocktail trasparenti e adornare, se gradito, con delle foglioline di sedano. Il succo sarà decisamente molto colorato ed estivo, nutriente e saporito, ma delicato e vellutato, grazie alla presenza del mango.