Browse Category

Casa

Come Realizzare un Gatto Appendiabiti

Un originale e utile gatto appendiabiti, fatto semplicemente decorando e lavorando opportunamente un pannello di legno mdf, creando la sagoma di un bel gatto decorativo, vi suggerisco di leggere e seguire con attenzione, le pratiche e artistiche istruzioni procedurali qui elencate. Si tratta di un modo molto rapido e creativo di realizzare un originale appendiabiti, un’alternativa ai soliti appendiabiti da parete che è possibile trovare in commercio, relativamente ai quali è possibile vedere questa pagina .

Occorrente
Pannello mdf
Carta abrasiva
Primer
Pennelli
Colla per legno
Colori acrilici
Fil di ferro
Pinze
Seghetto
Ganci per appendiabiti

Per cominciare occorre ricavare la sagoma di un gatto seduto dal pannello in mdf, quindi riporta la sagoma prestampata sul pannello, poi ritaglia e carteggia il gatto di legno ricavato con della carta abrasiva fine.Dopo di ciò, con l’aiuto di un bulino traccia i tratti del viso e dei particolari del tuo gatto. Quindi intanto prepara la tavolozza dei colori acrilici da usare per dipingere la sagoma del tuo gatto appendiabiti. Dopo dipingi con un pennello fine il corpo, i tratti del viso, e lascia asciugare perfettamente il tutto.

A questo punto, per dare tridimensionalità al tuo gatto, dipingi le ombre della tua sagoma, picchietta e sfuma bene i contorni e fai asciugare. Intanto per creare delle zone di luce, traccia una leggera velatura con colore acrilico bianco e un pennellino fine a ventaglio, e fai asciugare bene. Poi traccia gli occhi del tuo gatto in mdf, usando il pennello liner e rifinendo il tutto con il colore nero, per tracciare le ciglia e le sopracciglia.

Per ultimare, traccia i baffi, sul musetto e stendi due mani di vernice lucida su tutto il pannello a forma di gatto, così decorato, e lascia asciugare. Infine, inserisci un pezzo di fil di ferro e legalo ai due lati estremi della tua sagoma decorativa, in modo da poterla appendere. Per finire, incolla con la colla universale, i due tondini di legno o due ganci metallici, ai due lati del corpo del tuo gatto , per poter appendervi gli abiti.

Come Fare uno Shampoo Gloss

Avete capelli bisognosi di coccole poichè sono spenti, crespi, privi di volume e danneggiati? Se la vostra risposta è positiva, leggete la guida che sto per proporvi qui di seguito! Semplice da preparare, questa è un’ottima maschera per capelli opachi al 100% naturale.

Occorrente
2 tuorli di uovo
Gel di semi di lino
Rum
Miele
Farina di ceci

Per i vostri capelli spenti occorre una maschera che sia allo stesso tempo ristrutturante, nutriente e lucidante così da farli brillare come non mai e per dar loro nuova vita. Ecco in aiuto quindi lo shampoo per capelli perfetto per voi: composto da gel di semi di lino, uova, farina di ceci, rum e miele. Questo è un impacco per capelli particolare poiché diventa uno shampoo che allo stesso tempo dona nutrimento e rigenera la vostra chioma.

Per realizzarlo occorrono degli ingredienti facilmente reperibili e naturali al 100 %. Procuratevi tutto l’occorrente, dopo procedete in questo modo: ponete i tuorli all’interno di una ciotola, dopo incorporate uno ad uno tutti gli ingredienti regolandovi ad occhio con le quantità; l’importante è che il composto finale acquisti una consistenza densa e cremosa.

Al momento dell’uso, fate così: dopo aver inumidito la chioma, stendete per bene la maschera e massaggiate per alcuni minuti, compreso il cuoio capelluto. Risciacquate quindi i capelli con dell’acqua fresca. Usatene più del solito così da rimuovere ogni eventuale residuo di maschera. Quindi asciugate la chioma.

Come Fare uno Chignon Laterale

Lo Chignon laterale è una delle acconciature predilette al momento anche dalle Star del cinema è della tv. E’ un’acconciatura elegante ma facile da portare. Non troppo impegnativa ma d’effetto. Riprodurla a casa, fai fa te, ed in pochi minuti, non solo è possibile ma anche più facile di quanto non si possa pensare.

Occorrente
Capelli lunghi
Elastici trasparenti
Ferretti

L’acconciatura è molto semplice, però occorre che i capelli siano di lunghezza medio-lunga. La frangetta dev’essere laterale ed apposta nello stesso lato in cui si vuole creale lo chignon. E’ preferibile arricciare la frangia lievemente, con un bigodino oppure con la piastra. Ad ogni modo nelle fasi iniziali, per comodità, è meglio tenerla lontana dagli altri capelli con un ferretto o un gancio per capelli.

Tutti i capelli vanno appoggiati sulla stessa spalla (ben pettinati in fase preliminare). Devi intrecciarli in modo tradizionale. Quindi, dividili tutti in tre ciocche e sovrapponile progressivamente alla centrale. Non preoccuparti della precisione, al contrario occorre ‘allargare’ le ciocche intrecciate fino a scomporle leggermente. Tale passaggio contribuirà all’effetto finale.

Intrecciati tutti i capelli ed ‘allargati’ come precedentemente spiegato, si possono fissare alle punte con un elastico trasparente. Questa treccia un po’ scomposta dev’essere ora arrotolata su se stessa fino a salire fin dietro l’orecchio. Ottenuto lo chignon lo si deve fissare con dei ferretti. In tali operazioni è comodo un secondo specchio. Si aggiusta lo chignon secondo estetica e poi si scioglie la frangetta e la si sovrappone in punta allo stesso chignon come a congiungerli.

Come Utilizzare l’Aglio Come Prodotto di Bellezza

Anche se l’aglio ha molte proprietà benefiche, sarai d’accordo con me che questo bulbo ha un odore terribile. Nonostante questo, è molto usato per preparare una lozione antisettica e per eliminare i calli e i duroni. In questa guida ti spiegherò come prepararli in casa.

Per eliminare calli e duroni: se stai soffrendo perché hai i calli e/o i duroni, puoi ricorrere a un veloce rimedio casalingo pesta in un mortaio due spicchi di aglio, appena gli spicchi saranno ridotti in poltiglia. Aggiungi un cucchiaino di olio d’oliva caldo e amalgama per bene i due elementi, formando una specie di pomata densa.

Una volta formata questa pomata, devi usarla immediatamente e metterla sul callo, fasciando con un fazzoletto pulito, con una pezza di tela o con una garza sterile.Questa operazione la devi fare la sera prima di andare a letto, cambiando la fasciatura ogni sera. Fai questa operazione finché il callo o il durone potrà essere rimosso.

Per fare una lozione antisettica: metti a macerare 5 gr di spicchi d’aglio fresco leggermente tagliuzzati in 55 gr di alcool puro a 95 gradi per almeno tre giorni. Passato questo periodo, filtra il tutto e aggiungi 40 gr di acqua distillata. Per contrastare l’odore terribile, aggiungici qualche goccia della tua essenza preferita (la lavanda è la migliore). Essa stimola la crescita dei capelli e ti aiuta a combattere la forfora.

Come Stendere Panni in Inverno

In inverno non è possibile stendere fuori, bisogna quindi trovare delle soluzioni per fare asciugare i panni in modo veloce. Vediamo quali sono le migliori.

Iniziamo dai rimedi che è possibile attuare sfruttando quello che si ha in casa.
Il primo consiglio è quello di fare la doppia centrifuga in lavatrice, in questo modo infatti i panni asciugheranno più in fretta.
Una volta fatto questo, bisogna stendere bene i panni Stendere bene non solo li farà asciugare prima, ma ti renderà molto più semplice l’operazione di stiratura.
Infine, è utile sfruttare i termosifoni. Bisogna quindi posizionare lo stendibiancheria vicino al termosifone, così da sfruttarne il calore.

In alternativa, è possibile sfruttare alcuni elettrodomestici specifici.

Per iniziare, l’asciugatrice.
Utilizzando questo dispositivo è possibile evitare di avare panni bagnati per casa che portano umidità, infatti il bucato uscirà dall’asciugatrice pronto per essere piegato e messo nell’armadio.
L’unico limite è nei consumi energetici. Bisogna scegliere un modello moderno, e costoso, se si vuole evitare di avere un impatto sulla bolletta.

Un’alternativa è rappresentata dallo stendibiancheria elettrico come quelli segnalati su Stendinoelettrico.net.
In Italia non è ancora molto diffuso, a differenza dei paesi più freddi, dove invece è molto apprezzato.
Si tratta di uno stendino dotato di sei barre in alluminio riscaldate, che ha un consumo energetico molto limitato.
Bisogna però considerare asciugherà il bucato soprattutto nella parte di stoffa poggiata sulla barra riscaldata, di conseguenza sarà necessario spostare i capi per farli asciugare in modo completo.

Un’altra soluzione consiste nell’utilizzare un deumidificatore nella stanza in cui ci sono i panni da asciugare.
Bisogna considerare, però, che anche se il suo consumo è minore rispetto a a quello dell’asciugatrice, necessita di molto più tempo per completare l’operazione, per cui alla fine andrà a incidere comunque sulla bolletta a fine mese.

Un’ultima possibilità è l’armadio per l’asciugatura, un vero e proprio armadio in cui riporre i panni bagnati e ritrovarseli asciutti e puliti.
Si tratta di un dispositivo piuttosto recente, che permette di avere, un risparmio energetico del 50% rispetto alle asciugatrici in commercio, anche se ha dei prezzi abbastanza elevati.

Le possibilità sono quindi numerose.